Chi vince a Battaglia Navale è il miglior stratega

13 Luglio 2017

logo-giochi-briosi
Giochi Briosi - Chi vince a Battaglia Navale è il miglior stratega

Carta e penna alla mano, navi schierate e armi pronte all’assalto. Uno contro e uno e il gioco è pronto. Si parte alla scoperta delle regole del gioco più famoso del mondo: la Battaglia Navale.

Che sia su un foglio di carta, un gioco in scatola o in versione videogame da pc, Battaglia Navale è un evergreen, un tête-à-tête che non passa mai di moda.

Quindi, armatevi di due piattaforme contenenti due griglie, una su ogni lato della superficie interna, chiodini di plastica bianchi e rossi e modellini di navi da guerra: portaerei, lunga cinque spazi, corazzata lunga quattro, incrociatore e sottomarino tre, cacciatorpediniere due.

È arrivato il momento di posizionare segretamente le proprie navi: sedetevi uno di fronte all’altro e disponetele sulla griglia inferiore della piattaforma facendo attenzione ad appoggiarle in verticale o in orizzontale, mai in diagonale. Ognuna non può essere sovrapposta all’altra, e tanto meno sconfinare dal proprio territorio.

“Fuoco! Sparo in A-2” l’avversario ha dato il via al gioco puntando il fuoco su una coordinata specifica composta da lettere e numeri che dividono la griglia superiore in due colonne. Se le coordinate corrispondono alla posizione della nave avversaria, allora lo sventurato giocatore dovrà dichiarare di essere stato colpito; se lo spazio è vuoto può cantare vittoria parziale e riempire il buco con il chiodino bianco nella griglia inferiore mentre l’attaccante lo posiziona nel corrispettivo della griglia superiore.

Se le coordinate rilevano la posizione corretta, sarà il chiodino rosso ad indicare il punto esatto dove è stata colpita l’imbarcazione. Solo quando ogni quadratino di una barca viene colpito, possiamo annunciare l’annientamento totale del mezzo.

Vince il combattente che adotta le migliori strategie in grado di affondare in poche mosse l’intera flotta dell’avversario.

ADOTTAMI: L’ ABC di chi vorrebbe un cane – Il nuovo gioco per tutta la famiglia!

ADOTTAMI: L' ABC di chi vorrebbe un cane Chi si ricorda l'emozione da piccoli di ricevere in dono il primo animale domestico? Certamente è un momento importante nella crescita di un bambino. Non solo perché un animale domestico cresce insieme a lui ma anche perché è...

20 anni di Toscanacci, il gioco cult sulla Toscana

In Principio Fu l’Idea … CONOSCERE DIVERTENDOSI! A 20 anni dalla prima uscita de I Toscanacci molte cose sono cambiate... Tutto inizia con l’intuizione di una ragazza Belga per la creazione di un gioco divertente ed educativo sulla Toscana. Qualche anno più tardi da...

5 Giochi Briosi da portare sotto l’ombrellone

Vi è mai capitato di trovarvi sotto l’ombrellone e non sapere come ingannare il tempo? Magari siete al mare con la famiglia o con gli amici e ognuno sta facendo cose differenti: chi scorre i social sul telefono, chi ascolta musica, chi prova a risolvere l’ultimo...

Storia dell’uovo di Pasqua

L'uovo rappresenta la Pasqua ovunque nel mondo: dipinto, intagliato, di cioccolato, di terracotta o di cartapesta sono molte le modalità con le quale le uova vengono addobbate o preparate. Ma mentre le uova di cartone o di cioccolato sono di origine recente, quelle...

Imparare giocando: si può fare anche per il Covid-19

E' stato realizzato in questi giorni il secondo gioco da tavolo sulla pandemia da un'idea di Fabrizio Iozzo. Si chiama "DPCM-Il gioco" ed è nato come una parodia per la voglia di esorcizzare questo periodo buio e riprendendo le regole del conosciutissimo "Monopoli"...

Il gioco dell’oca, dai Faraoni ad oggi

Oggi vi raccontiamo la storia del Gioco dell'oca, probabilmente uno dei più conosciuti al mondo, la cui origine, nella forma moderna, risale al XVI secolo. Ne troviamo testimonianza in uno scritto nel quale si racconta che nel 1580 Francesco I de' Medici ne fece dono...