Le risposte nascoste 🙂

13 Febbraio 2020

logo-giochi-briosi

Vi è mai successo di conoscere un fatto, un significato, una parola, ma non ricordarvi il perché lo sapete? Da dove arriva questa informazione?
Se vi mettete a guardare una delle tante trasmissioni televisive dove ci sono giochi a quiz e partecipate da casa con la famiglia o gli amici, potrebbe succedervi questo fatto. Ogni tanto salta fuori una domanda e voi rispondete con una facilità che lascia tutti allibiti.
Ma lo siete un po’ anche voi che in quel momento vi atteggiate a sapientone. Non avete nessuna idea da dove è uscita quella informazione e rimanete così stupiti che non rispondete alle successive domande del conduttore del programma, facendo così una figura da somaro e pareggiando la cosa.
Ma quella risposta come la sapevo? Diventa un assillo!

Stupisce ancora di più perché, da qualche anno, siamo diventati multitasking e tuttologi allo stesso tempo. Facciamo a gara con noi stessi per incamerare informazioni e immagini più velocemente possibile e infine vedere il nostro cervello che si illumina con sopra scritto: HARD DISK FULL. Quindi ?
Andiamo a ragionare.
Da una parte della nostra mente, ci sono delle informazioni che abbiamo appreso con questa la metologia “fast” che applichiamo oggi.
Da un’altra ci sono i racconti fantastici o delle vere storie cronaca che abbiamo appreso nel tempo quando le informazioni erano più diluite. Erano sicuramente “slow” e lasciavano tanto spazio perché potessimo poi immaginarle nella nostra mente nel modo che preferivamo. Era un modo anche per passare piano piano le informazioni fra le generazioni e insegnare come funzionava il mondo. Erano l’arma prediletta dei nonni o per metterci paura o per insegnarci delle cose importanti.
E dopo tutti questi anni, a nostra insaputa, sono rimaste ancora la, come se il tempo non fosse mai passato, “nascoste”. E pure, è bastato un leggero stimolo che subito hanno risposto: “presente ! “. Intanto, il concorrente in tv non ha risposto ad un’altra domanda di quelle “nascoste”, si vede che non ha avuto questa fortuna. È cresciuto a “fast infos” !

Per continuare a mettervi alla prova con le risposte “nascoste” e non, provate i nostri quiz in formato gioco da tavolo dove possono giocare sia i piccoli (da 6 anni) che i grandi ( fino a 100 anni !) .

ADOTTAMI: L’ ABC di chi vorrebbe un cane – Il nuovo gioco per tutta la famiglia!

ADOTTAMI: L' ABC di chi vorrebbe un cane Chi si ricorda l'emozione da piccoli di ricevere in dono il primo animale domestico? Certamente è un momento importante nella crescita di un bambino. Non solo perché un animale domestico cresce insieme a lui ma anche perché è...

20 anni di Toscanacci, il gioco cult sulla Toscana

In Principio Fu l’Idea … CONOSCERE DIVERTENDOSI! A 20 anni dalla prima uscita de I Toscanacci molte cose sono cambiate... Tutto inizia con l’intuizione di una ragazza Belga per la creazione di un gioco divertente ed educativo sulla Toscana. Qualche anno più tardi da...

5 Giochi Briosi da portare sotto l’ombrellone

Vi è mai capitato di trovarvi sotto l’ombrellone e non sapere come ingannare il tempo? Magari siete al mare con la famiglia o con gli amici e ognuno sta facendo cose differenti: chi scorre i social sul telefono, chi ascolta musica, chi prova a risolvere l’ultimo...

Storia dell’uovo di Pasqua

L'uovo rappresenta la Pasqua ovunque nel mondo: dipinto, intagliato, di cioccolato, di terracotta o di cartapesta sono molte le modalità con le quale le uova vengono addobbate o preparate. Ma mentre le uova di cartone o di cioccolato sono di origine recente, quelle...

Imparare giocando: si può fare anche per il Covid-19

E' stato realizzato in questi giorni il secondo gioco da tavolo sulla pandemia da un'idea di Fabrizio Iozzo. Si chiama "DPCM-Il gioco" ed è nato come una parodia per la voglia di esorcizzare questo periodo buio e riprendendo le regole del conosciutissimo "Monopoli"...

Il gioco dell’oca, dai Faraoni ad oggi

Oggi vi raccontiamo la storia del Gioco dell'oca, probabilmente uno dei più conosciuti al mondo, la cui origine, nella forma moderna, risale al XVI secolo. Ne troviamo testimonianza in uno scritto nel quale si racconta che nel 1580 Francesco I de' Medici ne fece dono...