fbpx

Una buona dose di fortuna con il Gioco dell’Oca

23 Maggio 2017

logo-giochi-briosi
Giochi Briosi - Una buona dose di fortuna con il Gioco dell’Oca

Un’oca, un itinerario a spirale da percorre in senso antiorario.

Nel Gioco dell’Oca, così come nella vita, ogni azione, ogni movimento, non è sempre una mossa vincente, un passo in avanti. Talvolta siamo costretti a rimanere fermi, a saltare il turno, e indietreggiare. Ma tornare indietro, a volte, fa bene, è un’occasione per riflettere ed elaborare una strategia vincente. E se incontri l’occasione giusta abbrevi il percorso e raddoppi il punteggio.

Hai fatto strike, come si direbbe durante una partita di bowling.

L’Oca, che dà il nome al famoso gioco, è un uccello tenuto in grande considerazione da molti popoli antichi, a partire dagli egizi per giungere ai romani, simbolo di protezione del tempio di Giunone nel  Campidoglio, ma anche guida dei pellegrini, per i celti.

Il Gioco dell’Oca inteso come gioco da tavolo risale all’epoca de I Medici, quando nel 1580 il Granduca di Toscana Ferdinando I De’ Medici regalò “il nuovo e molto dilettevole giuoco dell’oca” al Re di Spagna Filippo II, allora decorato con teschi, ponti, labirinti, corde e naturalmente un’oca al centro del tabellone.

Fu subito un successo, un momento di svago e di divertimento a corte, tant’è vero che da quel momento si diffuse in tutta Europa e le decorazioni tradizionali vennero rielaborate fino ad arrivare ai giorni nostri con una grafica a sfondo contadino dove i bambini giocano spensierati con le oche tra campi coltivati e botteghe artigiane.

Sono sessantatré, ma a volte novanta, le caselle contrassegnate da numeri e illustrazioni ludiche su cui i giocatori muovono le proprie pedine al lancio della coppia di dadi; si parte dallo “Start” e si avanza a turno in base al numero ottenuto.

I più fortunati incrociano le dita sperando di occupare alcune delle tredici caselle contrassegnate dalle oche per poter raddoppiare il punteggio e avanzare più velocemente lungo il tabellone.

Attenzione a non imbattersi nei pericoli che rallentano il percorso facendo saltare turni o retrocedere: al “ponte” si paga la posta e si ripete il movimento, alla “locanda” si rimane fermi per tre turni, al “pozzo” si rimane fermi fino all’arrivo di un altro giocatore che viene a sua volta imprigionato, al “labirinto” si torna indietro di tre caselle e allo “scheletro” si torna al punto di partenza.

Chi vince? Chi arriva per primo al giardino dell’oca.

5 Giochi Briosi da portare sotto l’ombrellone

Vi è mai capitato di trovarvi sotto l’ombrellone e non sapere come ingannare il tempo? Magari siete al mare con la famiglia o con gli amici e ognuno sta facendo cose differenti: chi scorre i social sul telefono, chi ascolta musica, chi prova a risolvere l’ultimo...

Storia dell’uovo di Pasqua

L'uovo rappresenta la Pasqua ovunque nel mondo: dipinto, intagliato, di cioccolato, di terracotta o di cartapesta sono molte le modalità con le quale le uova vengono addobbate o preparate. Ma mentre le uova di cartone o di cioccolato sono di origine recente, quelle...

Imparare giocando: si può fare anche per il Covid-19

E' stato realizzato in questi giorni il secondo gioco da tavolo sulla pandemia da un'idea di Fabrizio Iozzo. Si chiama "DPCM-Il gioco" ed è nato come una parodia per la voglia di esorcizzare questo periodo buio e riprendendo le regole del conosciutissimo "Monopoli"...

Il gioco dell’oca, dai Faraoni ad oggi

Oggi vi raccontiamo la storia del Gioco dell'oca, probabilmente uno dei più conosciuti al mondo, la cui origine, nella forma moderna, risale al XVI secolo. Ne troviamo testimonianza in uno scritto nel quale si racconta che nel 1580 Francesco I de' Medici ne fece dono...

La Divina Commedia… tutta da giocare

Come sapete alla Giochi Briosi siamo sempre molto attenti alle novità nel mondo dei giochi per famiglie in genere per quei giochi che ci aiutano a conoscere e scoprire qualcosa di nuovo.Vogliamo allora raccontarvi di un nuovo gioco, non nostro ma quando un'idea è...

Natale si avvicina

Eccoci qua cari amici con qualche suggerimento per i regali di Natale.Eh si perché se è vero che siamo a fine ottobre, è anche vero che poi alla fine ci manca sempre quell'idea un po' più divertente, il tempo o un imprevisto che ci costringono a ripiegare su un regalo...